venerdì 12 aprile 2013

barrette salate al limone e rosmarino


english version below

È il mese delle mandorle al Salutiamoci e quindi diligente come quasi tutti i mesi ho pensato ad una ricetta da mandare scegliendo uno snack che per i suoi ingredienti si trasforma in uno snack vegan e gluten free quindi con uno prendi 3. Questo mese ad ospitare la raccolta è Francy del blog i paciocchi di Francy, quindi se volete partecipare mandatele una ricetta dove le mandorle sono protagoniste. Io ho approfittato anche per fare un esperimento usando una sostituzione all'impiego delle uova, come fanno i vegani trovata qui.
La novità ( almeno per me) di questa ricetta è appunto sostituire le uova con la miscela dei semi di lino ridotti in polvere e acqua nella proporzioni di un cucchiaio di semi e 3 di acqua. Lasciando riposare circa 10 minuti si formerà una densa gelatina che andrebbe a sostituire un albume.

Questo comporta una resa finale croccante, mancando il tuorlo non saranno friabili ma compatti.
È un espediente che funziona per prodotti rustici  e che non hanno pretese nell'effetto estetico finale dato che il colore dei semi in polvere è brunito e ovviamente se dovete fare un prodotto chiaro e scioglievole come potrebbe essere un frollino, allora questo non è il metodo da scegliere. Ho profumato il sapore delle barrette con la mia polvere di limone e i ciuffetti novelli del mio rosmarino.

Superato quindi il fatto estetico e la loro non friabilità hanno il vantaggio di essere ovviamente buoni e con le proprietà dei grassi cosiddetti buoni dati dalle mandorle e dai semi di lino, fanno molto comodo come barrette spezza fame da tenere comodamente anche in borsetta ^___^

Ingredienti per circa 20 pezzi : 75 gr. di mandorle, 50 gr. di farina di grano saraceno, 1 cucchiaio di olio, un cucchiaino ( da caffè) di sale, 3 ciuffi teneri di rosmarino, un cucchiaio scarso di polvere di limone, un cucchiaio di semi di lino, 3 cucchiai di acqua, ( in alternativa ai semi di lino e l'acqua usate 1 uovo).

Preparazione : frullate le mandorle ( io ho lasciato anche la pellicina) fino a ridurle ad un trito fine ma ancora grossolano, aggiungete a quel punto anche la farina di grano saraceno che assorbirà la parte grassa delle mandorle e farà in modo di ottenere così una farina sottile. Non fate tritare oltre le mandorle da sole altrimenti vi ritroverete con una pasta invece che una farina.

Frullate a polvere con il macina caffè i semi di lino e unite in una tazza la polvere ottenuta miscelandola con 3 cucchiai di acqua tiepida, lasciate riposare per circa 10 minuti o finchè non vedrete che si addenserà come una gelatina.
Tritate finemente a coltello così da non disperdere il suo profumo anche il rosmarino. Versate nell'impastatrice (ma potete fare anche semplicemente a mano in una ciotola) la farina di mandorle e grano saraceno aggiungete l'olio, la polvere di limone, il sale, il rosmarino e la gelatina e impastate il tutto, nel caso rimanesse troppo asciutto versare un cucchiaio di acqua o latte di mandorle, finite di compattare bene l'impasto a mano.
Mettere metà del composto tra due fogli di pellicola appiattitelo e stendetelo sottilmente, ricavate dei rettangoli della misura che più vi piace e sistemateli sulla teglia foderata di carta forno. Accendete il forno a 180 gradi e infornate per 10 - 12 minuti, o finchè sono leggermente dorati sui bordi.




The novelty (at least for me) of this recipe is to replace the eggs with the mixture of flax seeds ground into a powder and water in the proportions of a tablespoon of seeds and 3 of water. Letting it rest about 10 minutes to form a thick gel that would replace an egg white.



Makes about 20 pieces: 75 gr./ 30 oz of almonds, 50 g./ 2 oz buckwheat flour, 1 tablespoon of olive oil, a teaspoon (coffee) of salt, 3 soft tufts of rosemary, 1 tablespoon of lemon powder, 1 tablespoon of flax seeds, 3 tablespoons water (as an alternative to flaxseed and water use 1 egg).

Directions : blend the almonds (I also left the skins) to reduce them to a fine chop but still coarse, then add the flour, buckwheat, which will absorb the fat in almonds and make sure you get as a flour thin. Do not over chop the almonds alone or you'll end up with a paste instead of a meal.

Blend powder with the grinder flax seeds in a cup and add the powder obtained by mixing with 3 tablespoons of warm water, let it sit for about 10 minutes or until you see that will thicken up like a jelly.

Finely chop with a knife so as not to waste its fragrance even rosemary. Pour into the mixer (but you can also simply hand in a bowl) almond flour and buckwheat add the oil, lemon powder, salt, rosemary and gelatin and mix it all, in the case remains too dry, pour a tablespoon of water or almond milk, finite to compact the mixture well by hand.

Put half the mixture between two sheets of plastic flatten and roll it out thinly carved blocks of the measure that you like and arrange them on the baking sheet lined with parchment paper. Preheat the oven to 180 degrees and bake for 10-12 minutes, or until they are lightly browned on the edges.



Questo è anche il mio contributo alla raccolta del WHB 379 ospitato da Cristina del blog La cucina di Cristina come sempre vi ricordo che se volete partecipare alla raccolta basterà mandare la vostra ricetta con foto a cucinadicristina@gmail.com e segnalare nel vostro post la vostra partecipazione alla raccolta. La raccolta verrà pubblicata anche da Haloo (organizzatrice internazionale) per la versione in inglese, mentre Kalyn ne è stata la fondatrice e Brii è l'organizzatrice per la versione italiana. Per saperne di più leggete qui

12 commenti:

  1. Perfette e golosissime. Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Mmmmmh devono essere buonissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmmmmm tu devi essere una golosona ^___^

      Elimina
  3. Mi piace questa ricettina...Da provare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. metti nella lista to try ^___^ p.s. memolina ma il tuo blog è chiuso? io trovo sempre la stessa home page……..

      Elimina
  4. queste sono una vera chicca...complimenti!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bacio ricambiato con barretta d'accompagnamento ^___^

      Elimina
  5. Io in realtà non avrei bisogno di snacks spezza fame, ma come si può resistere......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh se è per quello neanche io……ma ne faccio poche e le distribuisco nel tempo ^____^ arrangio con questo espediente.

      Elimina
  6. Io di solito l'acqua la scaldo un po' prima di aggiungerla ai semi di lino. Ottima l'idea di usare il rosmarino per profumare l'impasto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dir il vero ora che mi ci fai pensare anch'io ho usato acqua tiepida, ma l'ho fatto d'istinto e non l'ho memorizzato…. l'ho vado ad aggiungere.

      Elimina

note musicali

abbecedario gastronomico

abbecedario gastronomico
le ricette dell'alfabeto, comprese le mie.

abbecedario gastronomico d'Italia

abbecedario gastronomico d'Italia
le ricette tradizionali d'Italia comprese le mie

i blog gallinosi

Archivio blog

cosa staranno dicendo?

Post più popolari

chi passa da qui

MY GALLERY

my foodgawker gallery

TasteSpotting

foodepix

my foodepix gallery

magazine